Il tuo negozio è un ambiente dove i clienti possono entrare, annusare profumi, ascoltare della musica di sottofondo, toccare merci, vedere luci colori, e perché no, anche gustare un tazza di tè o un aperitivo mentre aspettano il loro turno. Per ora tutto questo sembra lontano, interrotto da un evento di proporzioni globali ma presto la pandemia finirà e sarà tanta la voglia di vivere esperienze con tutti e cinque i sensi. Arredare il negozio del futuro vorrà dire proprio pensare a questo desiderio, che ognuno di noi non vede l’ora di realizzare.

È come se qualcosa di più grande di noi ci avesse scossi e ci avesse obbligati a guardare a ciò che conta davvero. Come abbiamo saputo apprezzare l’intimità e la sicurezza delle nostre case, presto potremmo di nuovo guardare ai negozi come a delle oasi, dove fermarsi per riposare dopo una giornata faticosa, dove scambiare due chiacchiere in leggerezza, dove partecipare ad un evento che ci permette di imparare qualcosa di nuovo o di conoscere nuove persone. Quanta voglia abbiamo di incontrare e incontrarci? Il tuo negozio ha una funzione vitale, non dimenticarlo.

Come arredare il negozio del futuro

Non siamo tutti nella stessa barca. Siamo nella stessa tempesta.

Tlon

Ogni crisi comporta difficoltà, trasformazioni radicali e scelte. Nessuno di noi è esente da questi momenti nelle proprie vite. Sono tempeste, a volte improvvise, che spazzano via tutto, certezze, verità, orizzonti. Ora siamo dentro una crisi epocale, qualcosa che non ci aspettavamo che ci costringe a cambiare, a farlo velocemente. Negozi chiusi per il lockdown, per le diverse restrizioni nazionali o regionali, cali di fatturato, protocolli di sicurezza. Eppure noi lo sentiamo ogni giorno, molti hanno voglia di guardare avanti, di continuare a seguire la loro passione.

Perché un negozio è più di un punto vendita, è un ambiente dove vivi ogni giorno, dove accogli altre persone, dove i clienti incontrano i loro bisogni, soprattutto quello di socializzare, di toccare, annusare, vedere. Come arredare il negozio del futuro è questo: essere consapevoli dell’importanza del bisogno di stare insieme, di toccare, di stringere, di abbracciare. Questa è la nostra natura e presto tornerà a farsi sentire molto forte. Sei pronto per quel momento?

Webinar, seminari e lezioni a distanza, chat e applicazioni di incontro, contatti personali ridotti allo stremo, la pandemia ha significato un taglio netto con l’interazione sociale e con la fisicità. Il digitale è importante e lo sarà sempre di più. I lockdown hanno rafforzato un trend in crescita costante da anni. Coltivare la tua presenza on line, dialogare con i tuoi clienti su Facebook, Instagram o via Whatsapp è fondamentale, ora non ci sono più scuse. Ma vuoi mettere ritrovarsi dal vivo, stringersi una mano, sorridere e fare tutto quello per cui siamo programmati da migliaia di anni, vivere appieno ogni momento!

Proprio recentemente abbiamo chiuso un nuovo progetto, un negozio di abbigliamento per uomo vicino alla nostra azienda, qui in Friuli, dove è stato allestito un salotto, con un tavolino e due sedie, un angolo dove rilassarsi, dove una persona può attendere chi ha accompagnato mentre prova i vestiti. È una soluzione semplice, già diffusa da tempo nelle grandi città, come Milano o Berlino.

negozio del futuro, salotto dentro un negozio, punto vendita come luogo di esperienze, progetto di COMINshop

Un salotto dentro un negozio. Namasté+, un nostro progetto a Casarsa, in Friuli

Certo, non bastano due sedie o un tavolo, bisogna creare la giusta atmosfera e sviluppare un’attitudine all’ospitalità, ma in fondo, intrattenere il cliente, farlo sentire a suo agio, è una delle tue competenze principali. Prima vengono il sogno, la passione, il desiderio di fare la differenza nel proprio mestiere, poi arriva in soccorso la tecnica, il design, capace di ridisegnare gli spazi, di renderli più agevoli, di dare risalto ai dettagli e di valorizzare così tutto il negozio.

È un concetto che ribadiamo da anni, da quando anche noi ci siamo trovati in mezzo ad una grande tempesta, la crisi del 2008, quando ne siamo usciti impostando una nuova rotta, da quando ci chiedevamo come arredare il negozio del futuro, una piccola impresa investita come noi da quel cambiamento radicale: il tuo negozio è un luogo di esperienze.

Ed ora, una pandemia, un evento senza precedenti su scala globale, ha riportato forte l’accento su questo nuovo modo di concepire i negozi, ambienti vitali che possono accogliere la rinnovata voglia di stare insieme in presenza e leggerezza.

Sei pronto per questa rinascita?