I negozi possono ‘parlare’? Certo!
E anche più lingue. M-Store, uno dei nostri ultimi lavori, è addirittura poliglotta: ‘parla’ italiano, inglese e tedesco!
Per un punto vendita situato in una località marittima frequentata da turisti di tutta Europa, come Bibione, è essenziale arrivare in modo immediato a qualsiasi cliente. La scritta “Libri” in tre lingue diverse e un font elegante, richiama ed accoglie il visitatore nell’angolo dedicato a quello specifico prodotto senza che egli debba chiedere informazioni o girare attraverso l’intero punto vendita. Quello di M-Store è uno dei numerosi esempi di come il negoziante possa creare un’atmosfera favorevole alla vendita grazie a qualche piccola accortezza nel suo ambiente di lavoro. Estetica e strategia si fondono con una doppia valenza: agevolare il cliente nell’acquisto e facilitare il commerciante nella vendita. Ecco perché è importante appoggiarsi a qualcuno che ti aiuti a progettare dei percorsi fluidi all’interno del punto vendita, che facilitino l’orientamento in negozio del cliente e, di conseguenza, favoriscano i suoi processi decisionali.  

Negozi parlanti, vendite più facili

Come si esprimono i punti vendita? I negozi parlano attraverso testi, loghi, immagini e colori, che permettono al cliente di individuare rapidamente il reparto, il prodotto o il marchio di proprio interesse. Il valore del tempo e della semplicità di esplorazione di un negozio sono fattori sempre più apprezzati dai clienti. Una comunicazione mirata, abbinata a un adeguato visual merchandising, contribuisce a generare negozi e spazi ‘parlanti’, capaci di essere esplorati in autonomia, senza la necessità di interagire con il personale. In questo modo gli addetti possono dedicare il loro tempo alle interazioni con quei clienti che si definiscono a ‘maggior valore aggiunto’.

Alcune soluzioni per negozi di elettrodomestici e ferramenta

Anche il negozio, come un bambino, impara a ‘parlare’ e si esprime ‘imitando’ il proprio titolare. Ogni tipologia di punto vendita ha una sua lingua, che noi progettisti dobbiamo interpretare e tradurre nell’idioma del cliente. Un buon progettista deve aiutare il commerciante a scegliere le parole giuste per il suo locale e a trasferirle all’interno del punto vendita con soluzioni personalizzate. In spazi di medie dimensioni come quelli delle immagini qui sopra, si è scelto di identificare i vari reparti con delle parole chiave.

Viteria 2000 – Ferramenta – Villotta di Chions (Pn)

La Ferramenta Viteria 2000 di Villotta di Chions, invece, ‘parla’ attraverso frasi, loghi, colori e immagini. E con un albero: quello a sinistra nella foto. L’acquirente entrando viene colpito da una figura tridimensionale che funge da mappa completa di ciò che può trovare nella ferramenta. Le foglie sono infatti i marchi acquistabili in negozio. Parimenti l’ambiente è stato suddiviso in vari corner, come richiesto dal cliente. I colori accesi e le linee, inoltre, aiutano ancora una volta ad identificare con immediatezza il prodotto.  

Un’atmosfera favorevole: dai Corner ai Mondi

A sinistra corner dedicato all’aspirazione nel negozio di elettrodomestici Soriel di Olmo di Creazzo (Vi). A destra un angolo dell’edicola Nunes di Campagna di Maniago (Pn).

In passato nella comunicazione visiva del punto vendita utilizzavamo font d’impatto, di grandi dimensioni (vedi foto RTV). Di fronte ad espositori ricchi di prodotti di vario genere abbiamo proposto scritte che orientassero l’acquisto, come per l’edicola Nunes di Maniago. In altri casi, come nel negozio di elettrodomestici Soriel abbiamo usato le immagini, oltre alle scritte, per segnalare i ‘corner’: angoli di negozio dove vengono esposti solo particolari tipi di prodotto.  
E ora?

Color Market – ferramenta e arredo casa – Brugnera (Pn)

 

 

 

 

Ora la direzione è quella dei ‘mondi’, che contribuiscono a creare un’atmosfera ancora più favorevole alla vendita. Stiamo vivendo un periodo di evoluzione della comunicazione visiva che nasce da un cambiamento della visione stessa dell’ambiente commerciale. Dai corner si sta piano piano passando ai ‘mondi’, spazi dove il cliente può trovare in uno spazio definito tutto ciò che ha a che fare con uno specifico settore. Ne è un esempio Color Market a Brugnera: un negozio di ferramenta, da poco ristrutturato, che ha scelto di modificare l’ambiente di vendita nell’ottica dell’ampliamento del proprio business, che ha abbracciato anche gli articoli per la casa. All’interno del negozio sono stati quindi creati due aree ben distinte, una per la ferramenta e Passione casa, il ‘mondo’ dove il cliente potrà trovare qualsiasi prodotto collegato alla cura e alla gestione della propria abitazione.    

 

 

E tu? Vorresti far “parlare” il tuo negozio?